In pista non conosco la paura - Sophia Flörsch

“In pista non conosco la paura”

Testo: Sophia Steube

Foto: Paolo Pellegrini

In pista non conosco la paura - Sophia Flörsch

“In pista non conosco la paura”

Testo: Sophia Steube

Foto: Paolo Pellegrini

Nonostante un grave incidente, la pilota automobilistica Sophia Flörsch non ha mai considerato l’idea di smettere di correre.

Nel Circuito da Guia, considerato uno dei più pericolosi al mondo, i piloti gareggiano per le strade della regione amministrativa speciale cinese di Macao, in Cina, seguendo un tracciato stretto – solo sette metri di larghezza nel famoso tornante Melco Hairpin – e pieno di curve insidiose. Il Gran Premio di Macao si tiene ogni anno sul Circuito da Guia, che ospita competizioni famose come la FIA F3 World Cup, offrendo ai piloti emergenti una possibilità unica di dimostrare la loro abilità al volante. Qui ad esempio Michael Schumacher è emerso come campione nel 1990, seguito dal fratello Ralf cinque anni dopo.

Ma passiamo al 2018. Dei quasi 30 concorrenti della F3 World Cup, Sophia Flörsch era l’unica donna. Tuttavia questa gara per lei è stata indimenticabile anche per un’altra ragione: infatti, sul circuito, la diciottenne ha avuto un grave incidente che l’ha costretta a un ricovero in ospedale e a subire un’operazione di 11 ore alla colonna cervicale.  Malgrado ciò, non ha mai preso in considerazione l’ipotesi di arrendersi e rinunciare alla sua carriera sportiva. Al contrario: se ne avrà l’opportunità, il prossimo novembre Sophia si ripresenterà ai blocchi di partenza della corsa di Formula 3 a Macao, in Cina.