Una fotografa e il suo Sprinter: quanto basta per essere indipendenti.

La fotografa berlinese Julia Nimke e il suo Sprinter "Emil": come raggiungere l'indipendenza professionale.

L'ispirazione della solitudine.

In un mattino presto d'autunno, una densa bruma avanza su un piccolo lago a Sud di Berlino. Julia Nimke ha trascorso la notte nel suo Van, parcheggiato in una radura non lontano dalla riva. Armata del suo zaino ripiegato e con una macchina fotografica a tracolla, chiude la porta e si incammina attraverso il bosco in direzione dell'acqua. Proprio ora, poco prima che sorga il sole: è questo il momento in cui a lei piace di più muoversi. "Quando la maggior parte del persone dorme ancora, ho una sensazione di completo possesso del paesaggio e degli attimi che sto vivendo", afferma la fotografa 28enne. Nel Mercedes-Benz Sprinter equipaggiato da lei stessa e che amorevolmente chiama "Emil", Julia cerca quella solitudine che le fornisce l'ispirazione per ottenere l'atmosfera che contraddistingue le sue foto.

Un passaggio graduale verso l'indipendenza.

Già durante la scuola Julia era estremamente interessata alla fotografia. A quel tempo ha imparato a come regolare manualmente la macchina fotografica e ha fatto pratica con la camera oscura. All'età di 15 anni ha deciso definitivamente che avrebbe seguito la sua ispirazione creativa. Dopo un periodo di accurata formazione tecnica che l'ha portata a conseguire la specializzazione in fotografia, Julia ha lavorato come photo editor – ma solo a tempo parziale, in modo da poter realizzare autonomamente alcuni progetti. "Quegli anni mi hanno aiutato molto a crearmi una base di clienti e a ottenere delle richieste di lavoro", rammenta. Il passo successivo per lei non poteva essere logicamente altro che la libera professione.

In viaggio per l'Europa.

Il più grande ostacolo per Julia è stato da un lato l'insieme delle incombenze burocratiche, dall'altro però questo ha costituito anche la scossa che ci voleva per iniziare la sua impresa. Un aiuto le è stato offerto tra l'altro dal supporto della durata di un anno ricevuto dalla Adobe, un'azienda produttrice di software che in tutto il mondo permette ad artisti selezionati di realizzare i propri lavori. Per Julia questo ha rappresentato soprattutto la possibilità di trascorrere più tempo nel suo "Emil" con cui ha visitato da sola tutta l'Europa riuscendo così a combinare la fotografia con l'amore per la natura. Dello Sprinter ama in particolare la discrezione dei suoi esterni che consentono di non lasciar trasparire immediatamente che si tratta di un autocaravan. "Inoltre i veicoli Mercedes-Benz sono molto affidabili", continua a raccontare. "E certamente, viaggiando da sola, non avevo voglia di trovarmi alle prese con dei guasti."

 

Tentare l'azzardo.

"Una certa sicurezza per me è importante. Ma ben presto mi sono resa conto che non avrei potuto fare per sempre l'impiegata. La libera professionista comporta anche delle insicurezze – e per accettarle c'è voluto un po' di tempo."

Julia Nimke – una fotografa e il suo Van sulla strada che li porta verso l'indipendenza.

Julia promuove la propria attività soprattutto sul social network Instagram e sul proprio sito web, su cui pubblica non soltanto progetti di carattere commerciale ma anche idee su progetti personali. Vorrebbe avere più clienti, grazie ai quali poter mantenere il proprio stile di vita: "Viaggio molto e quando viaggio fotografo molto. Per questo quello che faccio è autentica travel photography." Lo stile delle sue fotografie negli ultimi anni è andato via via semplificandosi – una tendenza che prende piede anche nella vita quotidiana: "Quando sono in viaggio con ‚Emil‘, mi rendo perfettamente conto che le mie esigenze sono veramente poche."

I 5 suggerimenti di Julia per fare delle belle fotografie:

    1. Fotografa quanto più possibile per rendere il tuo sguardo più sensibile. L'occhio può essere allenato come un muscolo.
    2.   Non fotografare con lo zoom ma impara a realizzare le tue foto mantenendo inalterata la lunghezza focale. In questo modo impari a utilizzare le distanze e le relazioni che danno luogo all'immagine.
    3.  Acquisisci familiarità con la tua attrezzatura fino a poterci lavorare in modo intuitivo.
   

4.  Mostra e condividi i tuoi lavori. L'apprendimento è un processo, per questo non ci si deve limitare a fare presunte opere perfette. Molto più interessante è capire come si arriva al risultato.

    5. Non fare confronti con gli altri. Esiste sempre qualcuno che fa qualcosa di più bello o migliore di come lo fai tu. Fare confronti è errato.

Tutto ha il suo prezzo.

Durante il suo ultimo viaggio nelle Dolomiti Julia ha dovuto lottare con una temperatura notturna di - 20 gradi Celsius.    

 

Minimalismo creativo.

I suoi temi ritraggono spesso la cosiddetta ora blu.    

Natura allo stato puro.

 

Con la sua fotografia Julia ama scoprire luoghi incantati.

Uno Sprinter di nome Emil.

Grazie al suo ufficio mobile può lavorare ovunque.    

Foto:

Julia Nimke, Jaydee Nujsongsinn

I link per ottenere maggiori informazioni:

Julia Nimke - julianimke.com, @Instagram

Gli interventi di modifica visualizzati sono stati eseguiti da fornitori terzi indipendenti. I fornitori e gli interventi di modificati non sono stati sottoposti a verifica da Mercedes-Benz. Le immagini non sono esprimono alcun tipo di valutazione del fornitore e/o degli interventi di modifica da parte di Mercedes-Benz.

Lorem Ipsum