Kun_tiqi: tavole da surf ecologiche in legno di balsa.

Durevolezza, rispetto per l'ambiente e grande maestria artigianale: Kun_tiqi, l'azienda di Stefan Weckert nel Nord della Spagna, produce tavole da surf in legno. Con il suo 508 D Stefan va sempre alla ricerca dell'onda perfetta.    

Lavorazioni manuali per tutelare l'ambiente.

Cantabria, Spagna settentrionale: il pavimento dell'officina di Stefan è disseminato di trucioli di legno. Controlla attento la tavola da surf in legno appoggiata sul banco di lavoro davanti a lui. Dopo aver modellato la tavola e realizzato i profili arrotondati dei rail si passa alla laminazione con cui Stefan da l'ultimo tocco al surf. Per la sua azienda, la Kun_tiqi, ha deciso di adottare una strategia rispettosa dell'ambiente: "Surfriders who care" – questo lo slogan che ha scelto per rappresentare la sua attività. Il suo credo: realizzare tavole in materiali rinnovabili e compatibili con l'ambiente.

Da esperto di amministrazione aziendale a creatore del marchio del surf ecologico.

Stefan è cresciuto a Donauwörth, cittadina con influenze bavaresi e sveve. Il surf è un interesse entrato precocemente a far parte della sua vita, sin da quando ha trascorso dieci mesi a Fuerteventura come insegnante di surf. Successivamente ha studiato economia aziendale nel Nord della Germania. Con le tavole da surf ecologiche ha avuto un primo incontro in occasione di un tirocinio effettuato in Ecuador. "Gli shaper ecuadoregni mi hanno insegnato le tecniche di modellazione e laminazione." Nella sua tesi di laurea ha affrontato il tema della commercializzazione delle tavole da surf in legno in Europa. "Presso un laboratorio di produzione di surf, qui in Spagna, ho laminato la mia prima tavola e contemporaneamente ho fatto ulteriori esperienze. Per imparare a modellare le tavole da surf in legno ho adottato il metodo del ,Learning by doing‘."

Immerso nella natura – nel più genuino senso della parola.

I temi della sostenibilità, della responsabilità ambientale e del surf sono per Stefan inevitabilmente connessi. Perché? "Perché noi surfisti amiamo la natura e possiamo vivere la nostra passione solo se il mare è incontaminato." Questa consapevolezza è nata durante il tirocinio in Ecuador. "Ero alla ricerca di una tavola per fare surf nel fine settimana. A quel tempo la più grande fabbrica di surf negli USA era stata chiusa dall'agenzia per l'ambiente." Di conseguenza in Ecuador non c'era più materiale per realizzare nuove tavole – dall'oggi al domani il mercato dell'usato era stato ripulito. "Per la prima volta i surfisti, me compreso, acquisirono la consapevolezza di quanto le tavole da surf possano essere nocive." L'appassionato surfista ha poi fatto l'incontro con shaper che sin dagli anni Sessanta realizzavano tavole in legno di balsa – un tipo di legno che in quei luoghi cresce in grande abbondanza. "Non appena testata la tavola in legno di balsa fui colto dall'entusiasmo e mi venne in mente l'idea di produrre tavole da surf ecologiche e di commercializzarle in Europa."

La forza delle onde.

"Il fascino di praticare il surf sta nell'imprevedibilità: nessun'onda è uguale alle altre, nessun giorno somiglia al giorno successivo."

Durevole, naturale e sostenibile: surfriders who care.

Il legno di balsa è estremamente leggero e già mille anni prima dell'avvento dell'impero Inca in America del Sud era usato per realizzare le zattere. Da qui ha origine anche il nome Kun_tiqi: il re del Sole Kun tiqsi Viracocha è una figura leggendaria nell'America del Sud. Quando la sua stirpe dovette abbandonare il continente, per fuggire vennero utilizzate zattere realizzate con il legno di balsa. Il legno di balsa utilizzato da Kun_tiqi proviene da un'impresa a conduzione familiare che ha sede nella regione costiera dell'Ecuador. Il vantaggio più grande: il legno di balsa cresce velocemente. In tre-quattro anni la pianta può raggiungere un'altezza di dieci metri. Secondo Stefan i surf in legno offrono però anche altri vantaggi: "In fase di produzione consentono di evitare l'uso di sostanze nocive; le tavole, inoltre, sono longeve e robuste. Infine offrono maggiore stabilità in acqua in quanto il legno assorbe in modo eccellente le disuniformità della superficie dell'onda."

L'arte dello shaper – Le 4 fasi per ottenere una tavola da surf ecologica in legno di balsa:

  1.    Piantagione: semina dei semi di balsa in serra in Ecuador. Dopo tre-quattro anni gli alberi hanno una dimensione sufficiente per l'abbattimento. Il taglio in blocchi ne facilita la lavorazione.
  2.    Produzione del pezzo grezzo: nel clima tropicale i blocchi necessitano di due-tre mesi per l'essiccazione. I più leggeri vengono lavorati fino a ottenere il pezzo grezzo cavo. Dopo aver eseguito il tagli, i blocchi vengono incollati con dei listelli verticali per dare forma al cosiddetto sandwich. 
  3.    Modellatura: successivamente lo shaper dà forma al pezzo grezzo. Per prima cosa la superficie viene piallata fino a renderla liscia. Successivamente la tavola viene segata e modellata con la pialla. Per l'ultimo tocco vengono utilizzati una pialla e una levigatrice manuali.
  4.    Laminazione: le tavole vengono laminate con resina ecologica. All'olio di semi di lino viene aggiunto un catalizzatore UV che in pochi minuti consente l'indurimento della resina per effetto dei raggi ultravioletti. E siccome il legno è già di per sé resistente alla rottura e alla pressione, è sufficiente un solo strato di fibra di vetro. Infine, l'applicazione di due ulteriori strati di resina ecologica permette di aumentare la stabilità e la durevolezza della tavola. 

La tenacia dà i suoi frutti.

Per far sì che il proprio marchio si affermasse, Stefan ha dovuto tuttavia superare alcuni ostacoli. Anche solo l'individuazione di un'officina non è stato un gioco da ragazzi. "Ho cercato dappertutto girando con la mia bicicletta, chiedendo informazioni." La parola d'ordine di Stefan: vietato arrendersi. Alla fine la tenacia è stata ripagata. All'inizio doveva cavarsela facendo qua e là dei lavoretti – in particolare prima e dopo la stagione estiva. "Era molto faticoso. E nel tempo che mi rimaneva concentravo ogni sforzo per dare vita a Kun_tiqi: è stata un'impresa che ha richiesto molto tempo e molta energia." Spesso Stefan dubitava della possibilità di dar seguito alla sua impresa a causa delle frequenti difficoltà finanziarie e perché per anni il timore di non farcela lo aveva seguito. "La mia convinzione di dover fare qualcosa contro l'inquinamento ambientale causato dalle tavole da surf in poliestere, il sostegno della mia compagna e, soprattutto, il positivo feedback dei miei clienti mi hanno aiutato a resistere."

Spazio a volontà ovunque.

Il Van è perfettamente adatto a trasportare le tavole da surf.    

Qualità fin dal primo giorno.

Il legno di balsa utilizzato proviene da un'impresa a conduzione familiare che ha sede nella regione costiera dell'Ecuador.

Foto:

Matthias Straub

I link per ottenere maggiori informazioni:

Kun_tiqi Surfboards - @Facebook, @Instagram

Gli interventi di modifica visualizzati sono stati eseguiti da fornitori terzi indipendenti. I fornitori e gli interventi di modifica non sono stati sottoposti a verifica da Mercedes-Benz. Le immagini non sono esprimono alcun tipo di valutazione del fornitore e/o degli interventi di modifica da parte di Mercedes-Benz.

Lorem Ipsum